“Paola is amazing & Vinicio is groovy”

E’ la scritta che c’è su una delle vetrine più creative e simpatiche che mi è capitato di vedere a Berlino. Parto da qui per raccontare questo breve viaggio in quella che viene definita da molti la vera capitale d’Europa. Parto da qui perchè è la prima cosa che mi è tornata in mente dopo poche ore che avevo rimesso piede in patria. Atterrato da poco più di un’ora girovagavo per Milano, sperduto come nel deserto. Cercavo disperatamente un taxi  ma ero arrivato, con i mezzi pubblici, troppo in periferia e ormai era mezzanotte passata. Allora, dopo che anche la Metro ha chiuso proprio alle mie spalle mentre salivo in superficie, ho iniziato a camminare verso una zona della città che di solito è servita. E passeggiando, appunto, non potevo non fare dei paragoni.

Paragoni tra le luci sempre accese della città che avevo appena lasciato e questa desolazione agostiana meneghina. Tra i negozi di mille colori e di mille tipi diversi, oltre ai ristoranti, che si tuffano nelle strade di Berlino, e queste vie di Milano dove ormai ogni 10 serrande almeno 3 appartengono a qualche BANCA. Abbiamo banche dappertutto, fateci caso. Nessuno ha più soldi, ma in ogni città italiana ho l’impressione che ci siano più filiali di banca che famiglie! Qui qualcosa non torna, ho pensato. [Altro che Paola & Vinicio…che magari han capito prima di noi e se la sono svignata? Mah]

Qualcosa non tornava nemmeno nel conto del taxi: 20 euro secchi per 9 km. Tre giorni prima avevo speso 9,60 euro per un paio di km in meno, e sempre alla stessa ora. Ma non è solo questo. E’ questa sensazione che ti assale subito appena torni a casa da Londra, o appunto da Berlino, di avere immediato bisogno della macchina. Berlino è praticamente tutta ciclabile. Anche io avevo la mia bici e la sera me la parcheggiavo in albergo. Poi quando uscivo con i miei amici preferivamo prendere i mezzi o andare a piedi, ma comunque volendo ci si poteva muovere ovunque su due ruote. Uno dei tratti distintivi dei berlinesi è che hanno quasi tutti, uomini e donne, il pantalone destro in basso stropicciato. Infatti se lo tirano su fin sopra al polpaccio ogni volta che montano in sella, per non sporcarlo con la catena della bicicletta. E’ una cosa molto caratteristica.

Per il resto cosa volete che vi scriva in un post? Vi parlo di Alexanderplatz? Della fermata Zoo Station che ha ispirato gli U2 – e un mio post di qualche tempo fa o della panoramica sopraelevata S-Bahn 9? Dell’isola dei musei? Di Potsdamer Platz e del suo spettacolare colpo d’occhio sulle nette differenze architettoniche tra zona est e zona ovest? Del muro, o magari del museo della DDR o della STASI? Dei loro enormi parchi? Dei ponti sotto i quali sorgono negozi e ristoranti pittoreschi? Tutto questo è veramente bello e interessante e lo trovate ben descritto su Wikipedia o sulle guide e via dicendo… non vale la pena scriverne oltre. Diciamo però che mi faceva un certo effetto frequentare questa città proprio in giorni in cui, notizie alla mano, si riproponeva il tema della guerra fredda: un tema che sembrava ormai  morto e – proprio lì – sepolto.

Quello che posso confermare è che si respira un’aria decisamente frizzante e creativa. La città è riuscita in pieno a rispettare, e anzi ad esaltare, tutte le differenze che le danno vita. E’ per questo che mentre camminate avrete l’impressione di incontrare ogni mezz’ora 100.000 persone diverse tra loro, e non solo 1000 – quando va bene – come da noi. E’ come vedere una foto su uno schermo del PC a bassa definizione e con 16.000 colori, rispetto alla stessa foto ad alta definizione e a 16 milioni di colori.

Un suggerimento logistico. Se riuscite a scegliere trovate una collocazione ad EST, meglio se comunque adiacente al Mitte (il loro Centro Città)…io sono rimasto molto colpito dalla ristrutturazione dei famosi casermoni di case popolari della DDR degli anni 70. Hanno il loro fascino, e sono quartieri in cui è bello perdersi. Vi consiglio quindi Karl Marx Allee o ancora meglio, un poco più fuori, Frankfurter Allee (dove ero io).

Un suggerimento mondano. Prima di fare qualsiasi altra cosa di sera, dopo aver cenato, passate al Tacheles. E’ un luogo di ritrovo dei giovani berlinesi che loro utilizzano come base prima di lanciarsi in qualunque altro posto nella lunga notte a base di TechnoMuzik. Non fatevi ingannare dalle foto che lo ritraggono come un semplice centro-sociale nostrano, nè fatevi spaventare all’arrivo dall’aria decadente e da alcune facce che potreste incontrare lungo le scale quando deciderete di salire. Voi entrate e basta. E poi, salite e basta. Non ve ne pentirete.

Ora prendo un giorno di fiato e poi mi darò ad una settimana di mare nel Centro Italia. Ma nell’ultima settimana del mese sarò a Lisbona, e sono curioso di vedere quale contrasto ci sarà tra le due città. Mi hanno detto meraviglie pure di quest’ultima, anche se per ragioni diverse. Se sù avevano la Techno, laggiù c’è il Fado. Vedremo. A presto…

 

Annunci

2 risposte a ““Paola is amazing & Vinicio is groovy”

  1. Voglio partire. Destinazione Berlino.

  2. 🙂
    …e pensa che non volevo andare perchè non mi sembrava una meta tipica da agosto… invece si stava davvero bene…

    buon viaggio!!!

    ***anche d’inverno dicono sia bellissima, tipo a capodanno, anche se fa un gran freddo!***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...